☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

Il punto sulle qualificazioni a Russia 2018: Camerun fuori, Costa Rica, Tunisia, Nigeria ad un passo

Alla confederazione europea e a quella sudamericana mancano due partite di qualificazione ancora da giocare, ci sono già alcuni verdetti in Africa come l'eliminazione del Camerun fresco campione continentale. La Siria si guadagna uno storico spareggio contro l'Australia.

Sono otto per ora le nazionali già sicure di partecipare al prossimo Mondiale di Russia 2018, e parliamo di Iran, Brasile, Giappone, Russia (in qualità di paese ospitante), Belgio, Corea del Sud, Arabia Saudita e Messico. Qui di seguito riportiamo una panoramica completa sulla condizione di tutte le confederazioni in avvicinamento all'appuntamenti iridato dell'estate 2018.

Asia: Corea del Sud e Arabia Saudita al Mondiale, spareggio Siria-Australia

Terminata la fase a gironi, la confederazione asiatica ha già diramato i suoi verdetti: le prime due di ciascun girone fanno direttamente a Russia 2018, quindi Ira, Corea del Sud, Giappone ed Arabia Saudita. L'Australia, terza per differenza reti, dovrà quindi passare dallo spareggio con la Siria.

Africa: il Camerun abbandona ogni possibilità di qualificazione

Con due partite ancora da giocare nei cinque gironi, solo la Tunisia e la Nigeria sembrano vedere concretamente la qualificazione a Russia 2018: chi non la vede e non la vedrà è il Camerun, che è automaticamente fuori da ogni discorso dopo il pareggio con la Nigeria.

Concacaf: Costa Rica ad un solo punto dalla qualificazione

Il Messico, grazie alla vittoria contro Panama del turno precedente, ha conquistato il settimo pass consecutivo per la rassegna iridata. Secondo la formula, si qualificano alla fase finale dei Mondiali le prime tre classsificate del quinto round, un girone a sei squadre, mentre la quarta giocherà un turno successivo contro la vincente dello spareggio tra Siria e Australia: al Costa Rica, dopo il pareggio con il Messico già qualificato, manca un solo punto. Al terzo posto c'è Panama, che allo stato attuale si prenderebbe l'ultimo pass diretto per i Mondiali. Gli Stati Uniti al momento vanno allo spareggio contro la vincente tra Australia e Siria, però il 6 ottobre prossimo hanno a disposizione lo scontro diretto contro Panama per ottenere il pass.

Oceania: la Nuova Zelanda allo spareggio

I neozelandesi hanno superato nel doppio confronto le Isole Salomone (6-1 all'andata, 2-2 al ritorno) ed ora attendono la conclusione del girone sudamericano (Conmebol) per conoscere l'avversaria del playoff in doppia sfida che garantisce un pass per i Mondiali: al momento, sulla strada degli All Whites ci sarebbe l'Argentina, se il girone si chiudesse oggi.

Europa

La Francia ha rallentato il ritmo con l'inammissibile pareggio a Tolosa per 0-0 contro il Lussemburgo, ma ha a disposizione due partite "fattibili" per chiudere il discorso qualificazione: in Bulgaria il 7 ottobre ed in casa con la Bielorussia il giorno 10. L'Olanda spera in un miracolo per riacciuffare il secondo posto valido per i playoff: all'ultimo turno, il 10 ottobre, c'è lo scontro diretto con la Svezia, che può però cautelarsi vincendo con il Lussemburgo nel turno precedente.

Il Portogallo insegue a tre punti di distanza la Svizzera ma ha a disposizione una differenza reti migliore, utile soprattutto in caso di vittoria nello scontro diretto del prossimo 10 ottobre. Gli elvetici, a punteggio pieno, non sono dunque sicuri ancora del pass diretto per Russia 2018.

La vittoria dell'Irlanda del Nord ha impedito alla Germania di festeggiare a Stoccarda la qualificazione ai Mondiali, ma la formazione di Low il prossimo 5 ottobre a Belfast potrebbe finalmente festeggiare. Alle sue spalle, proprio l'Irlanda del Nord è aritmeticamente al sorteggio per i playoff.

La Serbia compie un decisivo passo in avanti verso la qualificazione. Il gol segnato da Kolarov al 55' su assist di Kostic basta per sbrigare la pratica e inguaiare i padroni di casa, scavalcati dal Galles nel frattempo vincente per 2-0 in Moldavia (decidono Robson-Kanu e Ramsey negli ultimi 10'). Nel primo match di ottobre, il Galles andrà in Georgia mentre l'Irlanda ospiterà la Moldavia e la Serbia cercherà il punto mancante in Austria. Gli occhi sono tutti già al 9 ottobre, quando il Galles ospiterà l'Irlanda nel confronto decisivo per il secondo posto.

Uno dei gironi più equilibrati, con la Polonia che comanda con tre punti di margine su Montenegro e Danimarca, pur con una differenza reti peggiore (+7 i polacchi contro il +11 di Montenegro e Danimarca). Proprio Montenegro e Danimarca si troveranno una di fronte all'altra il prossimo 5 ottobre a Podgorica, con lo stesso Montenegro che tre giorni dopo potrebbe tentare lo sgambetto anche alla Polonia. Nessun discorso è chiuso, dunque.

Ha rischiato di subire contemporaneamente una sconfitta ed il sorpasso in classifica l'Inghilterra, che però grazie alla rimonta firmata Dier e Rashford ha allungato sulla Slovacchia avvicinandosi sensibilmente alla qualificazione ai Mondiali. Aperta la caccia alla seconda posizione, con Slovacchia, Scozia e Slovenia molto vicine. A ottobre si giocherà prima Scozia-Slovacchia e poi Slovenia-Scozia, tutto passa da queste sfide.

Se la Spagna marchia a fuoco il primo posto con un roboante successo in Liechtenstein, l'Italia è virtualmente seconda grazie al rigore di Trajkovski che al 53' aggancia l'Albania di Panucci per l'1-1 finale. Ora gli Azzurri sono a un punto dalla seconda piazza matematica. A ottobre, ecco Macedonia in casa e Albania fuori.

Belgio già qualificato ai Mondiali, Grecia e Bosnia in piena lotta per i playoff: leggermente favorita la Grecia più che altro per il calendario che ha a disposizione ad ottobre, perché gli ellenici affronteranno Cipro e Gibilterra, mentre i bosniaci Belgio ed Estonia.

Altro girone dal finale palpitante. L’Islanda aggancia la Croazia (che deve recuperare con il Kosovo) a 16 punti asfaltando l’Ucraina con una doppietta di Sigurdsson in avvio di ripresa, mentre la Turchia riapre tutto battendo proprio i croati con un gol di Tosun al 75’. Può succedere ancora di tutto. A ottobre: Kosovo-Ucraina, Turchia-Islanda e Croazia-Finlandia prima del gran finale Islanda-Kosovo, Ucraina-Croazia e Finlandia-Turchia.

Sudamerica: Argentina a azzardo qualificazione

Paraguay-Uruguay 1-2: L'Uruguay vola al secondo posto del girone grazie al successo esterno contro il Paraguay: serata nefasta per il difensore centrale del Milan Gustavo Gomez, autore dell'autogol che di fatto condanna la sua Nazionale a sconfitta certa. Di Valverde (Uruguay) e Romero (Paraguay) gli altri gol della serata.

Colombia-Brasile 1-1: Serata di gala a Baranquilla: al sontuoso destro di controbalzo sotto il "sette" di Willian ha risposto il plastico tuffo di Radamel Falcao; 1-1 tra Colombia e Brasile e punticino che fa comodo ai Cafeteros. Quanto al Brasile, è ormai certo di prendere parte al Mondiale 2018.

Argentina-Venezuela 1-1: Per fortuna dell'Argentina le avversarie dirette Cile e Paraguay sono incappate in pesanti sconfitte: in caso contrario sarebbero stati guai veri per gli uomini del ct Jorge Sampaoli, al momento inchiodati al quinto posto che varrebbe lo spareggio con la Nuova Zelanda. Al Monumental di Buenos Aires - casa del River Plate - l'Albiceleste non è andata oltre l'1-1 con il fanalino di coda del raggruppamento sudamericano Venezuela, che al minuto 51' era persino passato in vantaggio con il lob di Jhon "Balotelli" Murillo; la reazione dei padroni di casa è stata pronta, con Icardi (fin lì "pasticcione" sottoporta) a incitare all'autorete l'ex Parma Rolf Feltscher su cross dalla sinistra del positivo Acuna, ma si è fermata lì.

Classifica: Brasile 37, Uruguay 27, Colombia 26, Perù ed Argentina 24, Cile 23, Paraguay 21, Ecuador 20, Bolivia 13, Venezuela 8.

Ricordiamo la formula: il Brasile è già qualificato come prima classificata, vanno direttamente al Mondiale di Russia 2018 altre tre squadre che al momento sono Uruguay, Colombia e Perù. La quinta, che ora è l'Argentina, va al playoff contro la Nuova Zelanda.