☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

Dipartimento di Stato: basta scambio di contromisure con la Russia

Gli USA si aspettano che il botta e risposta di contromisure diplomatiche con la Russia si fermi, ha detto ai giornalisti la portavoce del Dipartimento di Stato Heather Nauert.

"Vogliamo migliorare i nostri rapporti, non vogliamo questo scambio di azioni diplomatiche che segue il principio dell'"occhio per occhio" ha detto la portavoce ai giornalisti in un briefing. Le autorità americane il 31 agosto hanno chiesto alla Russia di interrompere le attività diplomatiche nell'edificio del consolato generale a San Francisco, negli edifici di rappresentanza commerciale a Washington e all'unità della missione commerciale della Russia a New York. I diplomatici russi hanno rispettato questa soluzione il 2 settembre. A Mosca hanno definito le azioni di Washington "passi ostili" nei confronti delle proprietà diplomatiche.

Il Dipartimento di Stato ritiene che "visitare" le proprietà diplomatiche dopo la chiusura è legale, ha detto a Ria Novosti il portavoce del Dipartimento di Stato. "Le accuse del governo russo, secondo cui i funzionari americani avrebbero rotto la porta della proprietà o l'FBI abbia violato i locali, non sono vere. Durante il fine settimana il personale dell'ambasciata russa ha chiesto di unirsi ai funzionari del Dipartimento di Stato ed entrare nei tre edifici a San Francisco, New York e Washington, quelli che gli USA hanno chiesto al governo russo di chiudere. Questa visita è avvenuta quando questi edifici non erano più considerati locali dell'ambasciata o del consolato. Queste ispezioni sono state effettuate per garantire la sicurezza e la protezione degli edifici e confermare che il governo russo li avesse abbandonati. Gli USA rispettano pienamente la convenzione di Vienna, le leggi americane e gli accordi bilaterali per queste azioni, come nelle loro richieste alla Russia di chiudere queste sedi diplomatiche e locali consolari" ha detto il portavoce del Dipartimento di stato.

Washington aveva il diritto di ridurre il numero delle sedi diplomatiche della Russia negli USA, ma ha scelto un metodo grossolano per farlo, ha detto martedì il presidente Vladimir Putin. "Gli americani hanno ridotto il numero dei nostri diplomatici ed è un loro diritto, ma questo è stato fatto in modo esplicitamente rozzo, non consono ai nostri partner americani" ha detto Putin in una conferenza stampa dopo il vertice dei BRICS.

Il ministro degli Esteri Serghej Lavrov in una conversazione telefonica con il Segretario di Stato Rex Tillerson ha definito il sequestro delle sedi diplomatiche russe dalle autorità americane una grave violazione internazionale delle norme giuridiche. Mosca è pronta, a questo proposito, a rivolgersi al tribunale, si legge in un comunicato sul sito del ministero degli Esteri russo.

"Parlando dello stato delle relazioni bilaterali, Sergey Lavrov ha sottolineato che il sequestro da parte delle autorità americane, delle sedi di proprietà diplomatica, è una palese violazione delle norme della legge internazionale. Il ministro ha attirato l'attenzione del Segretario di Stato sulla dichiarazione del presidente Vladimir Putin in una conferenza stampa, a conclusione del vertice dei BRICS, sull'intenzione del paese di procedere nel contenzioso in relazione all'illecita attività di Washington" si legge nel comunicato.

La portavoce ufficiale del Ministero degli Esteri della Russia ha commentato l'azione americana sulla sua pagina Facebook: quello che è successo, secondo lei, negli uffici russi in USA è un'operazione dell'FBI. "Guardo i filmati delle ricerche degli agenti dell'FBI nelle istituzioni russe e capisco che è una specie di inferno per clown, stupido, illegale, inservibile" scrive la Zakharova. Pensavano di poter finalmente provocare una risposta aggressiva da parte dei diplomatici contro i quali hanno agito due giorni e negli ultimi anni? Ecco, questo non se lo aspettino. A questo circo noi non prendiamo parte" ha spiegato la Zakharova.

La portavoce del Dipartimento di Stato americano Heather Nauert ha cercato di trasformare in uno scherzo una domanda scomoda di un giornalista americano sugli edifici diplomatici russi, che ha citato l'ipotesi del canale tv russo RT. Nel corso di un briefing uno dei più autorevoli giornalisti dell'Associated Press, Matt Lee, che da molti anni si occupa dell'attività del Dipartimento di Stato americano, ha chiesto se ci sono altri casi in cui un paese abbia perquisito allo stesso modo le rappresentanze diplomatiche americane. "Oggi lavorate per RT o che? Questo può essere divertente, Matt!" ha risposto la portavoce ridendo.