☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

La Russia non si è ritirata dalla corsa agli armamenti, l’ha vinta

Lo Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI) ha presentato la sua annuale relazione sulle spese mondiali per la difesa. L’anno scorso le spese in questo settore hanno battuto un record toccando gli 1,8 trilioni di dollari, ovvero il 2,6% in più del 2017.

Alla corsa agli armamenti si sono uniti praticamente tutti i Paesi ad avere anche solo delle minime ambizioni politiche e geopolitiche. Le spese militari statunitensi sono aumentate del 4,6%, quelle della Cina del 5%, quelle dell’Arabia Saudita del 6,5%, della Turchia addirittura del 24%. Fra i leader mondiali per incremento delle spese per la difesa troviamo l’Armenia (+33%), la Lettonia (+24%), l’Ucraina (+21%), la Lituania (+18%), la Repubblica Ceca (+18%) e il Kazakistan (+16%).

In tal contesto a primo acchito la Russia appare come una mosca bianca in quanto da alcuni anni sta diminuendo progressivamente le proprie spese per l’esercito. Si è arrivati al punto in cui nel 2018 il Paese ha lasciato la cinquina dei primi Paesi per spese militari (di cui faceva parte dal 2006) slittando al sesto posto e facendosi superare dalla Francia.

Le spese russe per la difesa si sono ridotte in un anno del 3,5% raggiungendo i 61,4 miliardi di dollari, cifra modesta rispetto ai 250 miliardi dei cinesi e i 649 degli americani.

La spiegazione formale di questa soluzione è che la Russia ha già risolto la questione della riforma e dell’ammodernamento delle Forze armate, settore nel quale si è tanto investito sin dagli anni 2000.