☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

Pellegrini in Russia, incontra Medvedev e il presidente Putin

Il primo ministro Peter Pellegrini è arrivato in Federazione russa per una visita ufficiale su invito del premier russo Dmitry Medvedev. La delegazione comprende il ministro degli Affari esteri ed europei Miroslav Lajčák, il ministro dell’Economia Peter Žiga e il consigliere per la politica estera del premier Peter Kmec. Parlando ai giornalisti durante il volo, Pellegrini ha dichiarato che il viaggio è di grande importanza per gli interessi strategici della Slovacchia. Con i ministri Lajčák e Žiga «incontreremo il primo ministro della Federazione russa Dmitry Medvedev e parleremo anche con il presidente Vladimir Putin. Sono inoltre stato invitato a tenere un discorso insieme al presidente russo, a quello cinese [Xi Jinping] e al segretario generale delle Nazioni Unite [Antonio Guterres] al panel principale del Forum economico di San Pietroburgo, il che è anche un grande onore per me personalmente e per la Repubblica Slovacca», ha detto Pellegrini secondo Tasr.

L’convegno con Medvedev si è svolto questa mattina, anche se ancora al momento di andare in stampa non sono state diffuse notizie, mentre con il presidente Putin Pellegrini si vedrà a San Pietroburgo domani. Tema principale dei colloqui in Russia per la delegazione slovacca sarà la cooperazione bilaterale tra i due paesi, ma un focus specifico riguarderà gli interessi strategici slovacchi nel settore energetico. «Dobbiamo fare il possibile per garantire la sicurezza energetica del nostro paese, che è strettamente connesso con la Federazione Russa perché da loro prendiamo il gas, il petrolio e il combustibile nucleare per le nostre centrali nucleari», ha notato il premier. Il transito del gas sul territorio della Slovacchia è uno dei temi delicati che saranno affrontati: la Repubblica Slovacca, insieme ad altri paesi dell’Europa centro-orientale, è contraria al nuovo gasdotto Nord Stream 2, come lo è la Commissione UE, progetto voluto da Germania e Russia per aggirare il problematico territorio Ucraino, e dunque anche la Slovacchia, che perderebbe milioni di euro di fatturato per il transito verso l’Europa nel gasdotto nazionale oltre a porre questioni sulla regolarità delle forniture per i bisogni del paese. Si parlerà anche delle forniture di petrolio russo, che di attuale hanno avuto uno stop dovuto all’immissione nell’oleodotto Druzhba di petrolio contaminato e di bassa qualità, una questione che è stata risolta dopo qualche settimana, e probabilmente del progetto russo di ferrovia a scartamento largo che dovrebbe attraversare la Slovacchia.

Pellegrini intenderebbe anche discutere con le sue controparti dell’esito di una tavola rotonda organizzata nella Duma di Stato russa il 30 maggio in cui veniva in qualche modo dato un riconoscimento ufficiale all’invasione sovietica della Cecoslovaccahia dell’agosto 1968 concedendo lo status di veterano ai soldati dell’Armata Rossa che occuparono l’ex Cecoslovacchia.

Nel corso della visita ufficiale della delegazione slovacca è prevista la firma di un memorandum tra il ministero dell’Economia e il gruppo statale Rosatom sull’uso dell’energia nucleare a scopi pacifici e un accordo di cooperazione tra l’utility elettrica slovacca Slovenské elektrárne e il produttore statale russo di combustibile nucleare TVEL.

Prima di partire, Pellegrini ha posto l’accento sul fatto che gli spazi economici e di difesa naturali per la Slovacchia sono l’Unione europea e la NATO. Questo non impedisce di sviluppare una cooperazione economica importante con la Russia. La Slovacchia ha una delle economie più aperte al mondo e quindi è importante che abbia relazioni di politica estera equilibrate con tutti i paesi, ha detto il premier. L’ultima visita al Cremlino di un capo di governo slovacco fu nel 2016, quando Fico incontrò Vladimír Putin.