☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

L'intrigo Ue-Usa-Russia passa per il raddoppio del gasdotto sotto il Baltico

Il progetto Nord Stream 2 è osteggiato da Bruxelles e Washington perché aumenterebbe il potere di Mosca. Una bozza di parere della Commissione Ue lo affossa. Ma l'ago della bilancia sarà ancora Berlino, dove può diventare oggetto di trattativa tra le forze politiche post-elezioni

Non è cruciale come le trattative sulla Brexit, ma, come intrigo europeo, è anche più appassionante. Dentro ci sono tutti: la Merkel, i socialdemocratici tedeschi, Putin, la Gazprom, Trump, il Congresso Usa, Juncker, mezzo Gotha dell'industria energetica europea, gli irrequieti paesi dell'Est Europa, l'Italia e la disperata Ucraina. Tutti intorno al progetto del Nord Stream 2, il raddoppio del gasdotto sotto il Baltico, che aumenterebbe la dipendenza europea dal metano russo. Il progetto è sotto il tiro incrociato di possibili sanzioni americane e di una diffusa opposizione in Europa, dove una bozza di documento della Commissione, in pratica, lo affossa. Ma Nord Stream 2 ha amici potenti a Berlino, a Vienna, a Parigi, a Londra e, naturalmente, a Mosca. In più, il terreno giuridico dello scontro è accidentato e la battaglia è apertissima.

Il progetto aveva già subito un duro colpo, quando, per iniziativa dei polacchi, i 5 big dell'energia europea ( gli anglo-olandesi di Shell, i francesi di Engie, i tedeschi di Uniper e Wintershall, gli austriaci di Omv), soci al 50 per cento di Gazprom avevano dovuto ritirarsi dall'impresa, lasciandola tutta nelle mani dei russi e limitandosi a finanziarla. Ma anche questo è venuto in dubbio, quando le sanzioni anti-Putin varate, contro il parere di Trump, dal Congresso Usa hanno preso specificamente di mira gli investimenti energetici, sia pure senza citare esplicitamente Nord Stream 2 (si aspettano i decreti applicativi).

Ora arrivaun durissimo documento della Commissione di Bruxelles che, di fatto, affossa il progetto, con le stesse motivazioni con cui affondò il progetto gemello South Stream, che portava il metano a Sud e interessava da vicino l'Italia: Gazprom, infatti, non può, secondo la normativa europea, essere proprietaria, insieme, del gasdotto e del metano che vi transita. E deve aprire il passaggio anche a possibili concorrenti. In più, deve garantire che questo non significa chiudere i gasdotti che passano attraverso l'Ucraina.

La posizione è chiarissima. Il problema è che Nord Stream 2, nella parte che corre sotto il Baltico, è fuori dalla giurisdizione europea e dai suoi vincoli. La Commissione ribatte che il gasdotto non può operare in un "vuoto giuridico" o rispondendo contemporaneamente a due giurisdizioni diverse, quella europea e quella russa. Ma il problema è che la posizione di Bruxelles è ancora solo una bozza e che devono essere i governi a stabilire se affidare alla Commissione il mandato di trattare con i russi. La soluzione è attesa nelle prossime settimane, ma non è ancora chiaro se verrà presa a maggioranza (ostile a Gazprom) o all'unanimità (con possibile veto tedesco). Nei fatti, bisogna capire da che parte penderà Berlino, in particolare dopo le imminenti elezioni.

Engie, ex Gaz de France, premerà sull'Eliseo, la Shell su Downing Street, ma i giochi si faranno a Berlino. Con la realizzazione di Nord Stream 2, la Germania diventerebbe il crocevia principale di distribuzione del metano in Europa e la Merkel ha qualche debito verso i big tedeschi dell'energia (come Wintershall e Uniper, ex E.On) a cui ha chiuso bruscamente le centrali nucleari. Ma la partita è politicamente complessa anche in Germania. Se la Spd (il cui ex leader, Gerhard Schroeder, siede nel consiglio di amministrazione di Nord Stream) appare schierata con i russi, la Merkel, che con Putin ha un rapporto difficile, sembra assai tiepida e ha sempre cercato di tenersi fuori dalla questione. I democristiani, in effetti, sono divisi e alcuni degli esponenti più di spicco, come Manfred Weber, capogruppo Ppe a Strasburgo, sono risolutamente contrari. Il tema, in caso di rinnovo della Grande Coalizione, potrebbe entrare nell'agenda dei negoziati post elettorali per la formazione del nuovo governo.