☭ Russia, Ucraina & CCCP ! Forum concernente Russia, Ucraina e ex Unione Sovietica☭ Russia, Ucraina & CCCP !

Russia, 27enne "imbalsamata" per errore: muore dopo due giorni di ansia

Doveva essere unʼoperazione di routine ma le hanno somministrato della formaldeide. La madre: "Eʼ omicidio, hanno ucciso mia figlia"

Si chiama Ekaterina Fedyaeva, la 27enne morta a Ulyanovsk Russia, dopo un'iniezione di formaldeide, sostanza usata per imbalsamare i cadaveri. Secondo la testata russa "Rt" si era recata in ospedale per un intervento di routine ma i medici, invece iniettarle nelle vene una soluzione fisiologica, le hanno somministrato per errore il composto chimico. Dopo due giorni di dolori lancinanti è morta.

La  donna si era sposata da poco. La madre della ragazza accusa i medici di omicidio, le sue parole sono strazianti: "Mia figlia è stata uccisa. Quando sono andata a trovarla dopo l’operazione aveva dolori lancinanti e vomitava. Poi ha iniziato a tremare come una foglia, l’ho coperta, ma non era freddo: aveva le convulsioni. Ho chiamato un dottore, ma neppure uno veniva a vederla. Sapevano molto bene di averle iniettato veleno in corpo, ma non hanno fatto nulla per aiutarla, mi hanno solo detto di andare a casa. Volevano che tacessi mentre la formaldeide stava erodendo il suo corpo dall'intimo".

Pare che, inizialmente, alla donna non sia stata soccorsa finché non è stata messa in terapia intensiva: "Dopo l'intervento, per 14 ore non hanno fatto nulla. Quando sono tornata a parlare con i dottori, loro stavano discutendo del tragico errore, ma neppure uno mi ha raccontato cosa era successo. Mi hanno detto che era in coma, che il cuore, i polmoni e il fegato avevano smesso di funzionare ed era attaccata a un polmone artificiale"

I medici la trasferiscono, poi, in un ospedale di Mosca, in un disperato tentativo di salvarla ma Ekaterina è esausta e muore dopo poco. Lì, la madre viene a scoprire tutta la verità e adesso vuole giustizia.
E' in corso un'indagine preliminare per l'accusa di omicidio e per far luce sulla disumana fine della ragazza.